Bürstner

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Bürstner

Nel 1924, a soli 30 anni, il falegname Jakob Bürstner apre la sua bottega specializzata in carpenteria e fabbricazione di mobili nell’attuale quartiere di Neumühl della città tedesca di Kehl, al confine con la Francia. Con la sua grande abilità artigianale, questo giovane imprenditore iperattivo ottiene numerosi incarichi e una clientela sempre più ampia.

Passano gli anni e nel 1955, Jakob Bürstner sposta il suo ambito di specializzazione dalla carpenteria edile agli interni e alla produzione di mobili. In poco tempo ottiene incarichi di vasta portata per le Ferrovie tedesche per arredare con le sue opere gli interni delle stazioni e dei nuovi appartamenti per gli impiegati.

Pochi anni e, nel 1958, Gerhart Bürstner, figlio del fondatore, è convinto che la popolarità in continua crescita delle vacanze in caravan rappresenti una grande opportunità per il futuro. Insieme a un’azienda locale specializzata nelle soluzioni per veicoli, sviluppa una solida struttura con molte possibilità di arredamento.

1961, un anno storico per Bürstner. Un traguardo importante, infatti in questo anno, è la creazione di una nuova caravan battezzata con l’inusuale nome “Delphin” (delfino). Questo modello rappresenta l’inizio di una tradizione all’insegna dell’innovazione, con una caravan concepita all’insegna del benessere e dotata di mobili in legno di palissandro e interni decisamente lussuosi per gli standard dell’epoca.

La quantità di ordini è subito enorme e l’azienda si trova di fronte a un bivio: scegliere tra la carpenteria tradizionale e l’estensione della produzione di caravan. Un bivio che nel 1966 significa anche successo. Nonostante tutto però, la specializzazione nei mobili e la spiccata vocazione al design costituiscono ancora oggi una parte determinante della filosofia aziendale.

Siamo al 1974. I clienti cominciano a richiedere con sempre maggiore insistenza delle caravan meno care e per questo viene portato avanti lo sviluppo di varianti più leggere e convenienti, pur senza compromessi in termini di qualità. La vendita del modello “Flipper” ha inizio nella stagione 1975 e rappresenta un successo mai raggiunto da nessuno fino a quel punto.

Nel 1977 il mondo delle roulotte vide la nascita della Flirt. È il momento di un modello destinato a non passare inosservato grazie al suo design esteriore squadrato. All’interno sorprende con un arredamento inclinato di 8 gradi e grazie all’intervento di un’architetto impiegata appositamente per gli interni, i modelli Bürstner raggiungono un’abitabilità e un livello di percezione degli spazi completamente nuovi. Si tratta di una scintilla iniziale destinata a mettere in moto tutto il settore.

Altra innovazione, nel 2009, quel “Plus” che affianca alcune gamme di Bürstner. Quello che Bürstner ha già dimostrato con i veicoli ricreazionali, è ora applicato anche alle caravan: grazie all’aggiunta dei letti matrimoniali discendenti si aprono possibilità del tutto nuove.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.