I campeggi francesi corteggiano gli inglesi per recuperare perdite 2021

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
I campeggi francesi corteggiano gli inglesi per recuperare perdite 2021

I proprietario dei campeggi in Francia stanno puntando sui vacanzieri britannici nel 2022, nel tentativo di compensare le enormi perdite di entrate subite durante le recenti restrizioni ai viaggi all’estero.

A guidare l’assalto è il gigante francese dei parchi vacanze Yelloh Village che gestisce più di 100 parchi nel suo paese d’origine, oltre a Spagna e Portogallo.

Il gruppo, con sede vicino a Nimes, questo mese, ha coinvolto Caravan Sitefinder per pubblicizzare le proprie vacanze agli oltre milioni di visitatori annuali della piattaforma britannica: nessuno in Europa sviluppa numeri così alti.

Il CEO Michael Paul afferma che Yelloh prevede che l’Europa continentale sarà completamente aperta per la prossima primavera e che molte famiglie del Regno Unito saranno pronte per una vacanza continentale.

Caravan Sitefinder, afferma Michael, commercializzerà attivamente i parchi Yelloh tra i caravanisti e i camperisti consumatori il suo enorme database e attraverso promozioni di siti Web di alto profilo.

“Il mercato delle vacanze in libertà britannico è estremamente importante per gli operatori di campeggi francesi e l’assenza su vasta scala di visitatori del Regno Unito da quasi due anni si fa sentire più di chiunque altro“, ha affermato Michael. “Ma gli operatori francesi del settore sentono che il tempo di recupero arriverà a breve e vogliono rivendicare una quota più ampia possibile del mercato facendo di tutto per le prenotazioni effettuate questo inverno e primavera“.

Questo ha chiaramente delle conseguenze per i proprietari di campeggi e di parchi del Regno Unito poiché anche loro si stanno ancora leccando le ferite dopo così tanti blocchi e cancellazioni legate al Covid negli ultimi tempi. Molti riporranno le speranze sulla tendenza per il proseguimento delle vacanze domestiche, anche per l’anno prossimo, e penso che abbiano motivo di essere ottimisti. Molte famiglie si sono convertite ai soggiorni in questo paese dopo aver vissuto esperienze positive questa e la scorsa estate, e potrebbero scegliere di continuare a farlo – prosegue Michael -. Ma ci saranno inevitabilmente altri che ora non vedono l’ora di tornare al sole del Mediterraneo e prenoteranno con operatori di campeggi e di parchi d’oltremare come Yelloh. Quindi la priorità principale per la maggior parte dei parchi britannici sarà quella di catturare il maggior numero possibile di prenotazioni da coloro che intendono rimanere nel Regno Unito e di farlo il prima possibile. In altre parole, dovranno commercializzarsi in modo molto più aggressivo rispetto a quest’anno e non fare affidamento su limitazioni di viaggio che forniscono un pubblico prigioniero e timoroso“, ha affermato Michael.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp

Non perderti nessuna notizia. Iscriviti alla nostra Newsletter.